EXIT - ITALIA
Corso Monte Cucco 144 , 10141 Torino
tel/fax +39-0117707126 +39-330512712
exit-italia@fastwebnet.it
O.N.L.U.S. - centro di studi e documentazione sull'eutanasia
EUTANASIA E' DECIDERE PER SE STESSI
- Bollettini Informativi e documenti vari -




I 10 ANNI DELLA EXIT BIBLIOGRAFIA Irish Woman Loses Appeal for Assisted Death
-
L'incontro con Indro Montanelli filmati

intervista :faccia a faccia con Beppino Englaro in tre parti

1.mp3 2.mp3 3.mp3

Notizie servizio di rai 3
sull'assemblea di exit italia
23 maggio 2011
video 1,38 min"

LA VOCE DI INDRO MONTANTELLI
european conference
La bozza del progetto di legge  OLANDA -
Come si diventa soci  La_legge_approvata_il_10_4_2001.pdf Adoratori del tempio del falso
LA SENTENZA DI MONZA Modello_per_la_relazione_del_medico.pdf

i nostri obiettivi
our objects and purposes
 Numeri_dell'_eutanasia_in_olanda.pdf lettera del presidente"
------------------------------------------------
CASI SIGNIFICATIVI
CASO JAMES
CASO BARAVAGLIO
CASO CHANTAL
CASO CRISAFULLI
CASO DINO RISI
CASO ENGLARO
CASO GIROMELLA
CASO MANDOLINI
CASO MANFREDI
CASO NUVOLI
CASO RAUSCHENBERG
CASO RAVASIN
CASO SAMPEDRO
CASO TANI BINI
CASO VILMA NEGRI
CASO VINCENZA SANTORO
CASO WELBY
STATO VEGETATIVO, NUTRIZIONE (errato parlare di 'alimentazione') ARTIFICIALE: DIAMO ALCUNE INFORMAZIONI PER CORREGGERE LA CONFUSIONE OGGI IMPERANTE DETTATA DA DISTORSIONI IDEOLOGICHE E ASCIENTIFICHE


APPROFONDIMENTI SUI VARI TEMI

CHIESA CATTOLICA POLITICA E STATO
CHIESA CATTOLICA QUANTO CI COSTA
DIGNITAS SVIZZERA
ETICA SCIENZA MEDICINA
ACCANIMENTO DIBATTITI
EUTANASIA SUICIDIO ASSISTITO
SUL TESTAMENTO BIOLOGICO
IL FIDUCIARIO INDISPENSABILE NEL TESTAMENTO BIOLOGICO - TESTIMONTI - MODIFICHE - CONSIGLI VARI -

TESTAMENTO BIOLOGICO O AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO?:L'OPINIONE DELLA EXIT-ITALIA

SPECIALI DI EXIT_ITALIA, INCHIESTE, DIBATTITI


Guarda e diffondi lo spot per la legalizzazione dell’eutanasia (VIDEO)


servizio di rai 3 sull'assemblea di exit italia 23 maggio 2011 video 1,38 min"


ODIFREDDI:"UNO SCHERZO DA PRETE AGLI ITALIANI-IL CONCORDATO DA MUSSOLINI A TOGLIATTI A CRAXI
video 58 min"


belgio eutanasia per i bambini (il sole 24 ore)
-
Olanda, uccisa l’ex ministro che firmò la legge sull’eutanasia (la stampa)
-
Il Belgio estende l'eutanasia anche ai minori (ansa 13-02-14)
-
MORTE di PAOLO RAVASIN - Malato di Sla da quindici anni si lascia morire (tribunatreviso.it)
-
Disabile da 18 anni scrive sul blog l’ultimo post: «Aiutatemi a morire» (il messaggero)
-
'Vivere' di Vasco Rossi colonna sonora spot eutanasia Rocker dona diritti canzone per promuovere dolce morte (ansa)
-
costretti al suicidio per colpa dello stato 26/11/2013 (corriere)
-
Right to die: Paul Lamb takes up Tony Nicklinson fight(bbc)
-
Irish Woman Loses Appeal for Assisted Death (new york times)
-
Venerdì 3 maggio : conferenza stampa per informare i media della proposta di iniziativa popolare per l'eutanasia libera con la relativa raccolta firme necessarie. Per la EXIT-Italia è intervenuta la nostra Nadia Murgioni CON GRANDE successo: è stata pure intervistata da LA REPUBBLICA (radio radicale)
-
Corrado Augias sull'eutanasia (repubblica)
-

Un sondaggio svizzero Secondo questa ricerca, in 12 Paesi della UE esiste una larga maggioranza favorevole alla legalizzazione del suicidio assistito.
Belgio Il Parlamento sta valutando la possibilità di estendere l’eutanasia anche ai malati di Alzheimer ed ai minorenni (come già avviene in Olanda).
 
DAL BELGIO 6 Febbraio 2013 Autore: kidr Nel 2012, 1430 pazienti hanno optato per l'eutanasia. Si tratta di un record e un quarto in più rispetto all'anno scorso. Secondo i dati della Commissione federale di Controllo e di Valutazione, nel 2011 i medici hanno accettato le richieste di 1133 pazienti che volevano essere così sollevati dalle loro sofferenze. Degno di nota anche il fatto che l'anno scorso i medici abbiano ricevuto più richieste da pazienti stranieri. "Per il 2012 si tratta di una dozzina di pazienti, in particolare da Stati Uniti, Germania e Francia, anche se per il momento il vero turismo eutanasico, come in Svizzera, rimane contenuto."
 
Italia: eutanasia (21 dicembre) Le associazioni Luca Coscioni, EXIT-Italia e e Uaar Italia hanno depositato alla Corte di Cassazione una proposta di legge di iniziativa popolare contro l’accanimento terapeutico e per la legalizzazione della eutanasia. I dirigenti delle associazioni hanno dichiarato che “è questo il momento di mobilitarsi tutti per obbligar e il futuro Parlamento a discuterne. Da oggi lanciamo l’appello per richiedere le disponibilità alla raccolta e autenticazione delle 50.000 firme”.
 
Francia: eutanasia (14 dicembre)
“Le Monde” ospita gli articoli di quattro personalità (medici e filosofi) che esaminano tutti gli aspetti della tematica eutanasia o cure palliative”, esprimendo pareri contrastanti. (19 dicembre): Reso noto in Francia il rapporto della commissione (presieduta dal noto bioeticista Didier Sicard) incaricata dal presidente Hollande di dare un parere sulla legalizzazione della eutanasia. Secondo “Avvenire” e “ Il Foglio” il rapporto è sostanzialmente contrario alla eutanasia e ritiene che basterebbe una migliore applicazione della Loi Leonetti (n.d.r.: quella che prevede la possibilità di “laisser mo urir”), che non è nota ai francesi (solo il 2,5% ha redatto le proprie DAT), mentre l’accesso alle cure palliative è ancora problematico. I due quotidiani ricordano però l’accenno che vi è nel rapporto alla possibilità di una “sedazione terminale”. Hollande ha preso atto del rapporto ma ha annunciato che entro giugno del 2013 il governo presenterà in Parlamento un ddl sulla eutanasia. Molto risalto al rapporto su “Figaro” (il documento va al di là della Loi Leonetti ed invita ad una riflessione sulla possibilità di un intervento attivo dei medici) e su “Le Monde”, che riferisce sugli incontri pubblici che la commmissione ha avuto in molte città francesi, con un totale di 2.500 partecipanti. La maggior parte degli intervenuti nei dibattiti ha detto che vorrebbe “una morte dolce”. (22 dicembre). Sul “Corriere della Sera” una intervista al prof. Sicard: ha spiegato ad Hollande che la commissione ritiene inutile una legge sulla eutanasia perché la legge in vigore sul fine vita è già sufficiente ed è applicata negli ospedali. Preferisco la sedazione profonda e finale (che in 24 ore porta alla morte) alla “iniezione brutale di un medico”. Secondo Sicard l’incontro è stato inutile perché Hollande e i suoi ministri hanno deciso comunque di legalizzare l’eutanasia per una scelta politica e ideologica.
IN ITALIA Religioni in Italia (14 dicembre) L’Italia – informa “Il Giornale” - ha raggiunto accordi con le religioni buddiste e induiste: potranno aprire scuole e accedere all’8 per mille.
 IMU Chiesa Cattolica (20 dicembre)
La CE ha deciso che il pagamento dell’IMU per la Chiesa italiana per gli anni dal 2006 al 2011 sarà condonato (“Il Manifesto”). Per il cardinale Bagnasco “non si tratta di un privilegio ma di un atto di giustizia”. … e noi cittadini quindi continuiamo a pagare per questi parassiti della società! (nota di EXIT-Italia)
 
 

L’ULTIMISSIMA … DALLA FRANCIA Feb. 14, 2013 Francia: i medici aprono all'eutanasia (ma solo per casi eccezionali) La scelta del Consiglio Nazionale dell'ordine dei medici: «È un dovere di umanità per agonie prolungate» Il Consiglio Nazionale francese dell'ordine dei medici ha consentito, per la prima volta, alla «sedazione terminale» per pazienti in fine di vita che abbiano fatto «richieste persistenti, lucide e ripetute». Invocando «un dovere di umanità», riserva questa via a «casi eccezionali», «agonie prolungate e dolori incontrollabili». (Ansa)

 
14/01/13- Quando morire diventa un diritto

La Francia accelera sull’eutanasia attiva con la ‘sedazione terminale’

5/9/12 Cardinal Martini,
nel suo ultimo libro la “non condanna” dell’eutanasia


GB: È MORTO TONY NICKLINSON,
L'UOMO PARALIZZATO CHE CHIEDEVA IL DIRITTO ALL'EUTANASIA
SCRIVENDO ATTRAVERSO IL BATTITO DELLE CIGLIA ERA DIVENTATO UNA STAR DI TWITTER Londra, 22 ago. (Adnkronos/Dpa) - Tony Nicklinson, il cittadino britannico affetto da sindrome «locked-in», è morto dopo aver perso la sua battaglia legale per il diritto all'eutanasia. Ne hanno dato l'annuncio gli avvocati della sua famiglia. Il 58enne Nicklinson si è spento nella sua abitazione dopo un «rapido deterioramento» delle sue condizioni di salute a seguito di una polmonite. L'uomo aveva rifiutato di ingerire cibo nel corso della sua ultima settimana di vita. Ultimamente, Nicklinson era divenuto una star di Twitter, grazie a un sofisticato meccanismo che gli consentiva di scrivere sul social network attraverso il battito di ciglia, l'unico movimento che gli era concesso dalla malattia. L'uomo, originario di Melksham, nella contea del Wiltshire, nel sudovest dell'Inghilterra, nel 2005 era rimasto rimasto completamente paralizzato dopo un ictus che lo colpì durante un viaggio ad Atene. La cosiddetta sindrome «locked-in», che gli impediva di muoversi e parlare. La scorsa settimana, l'Alta corte di Londra aveva respinto l'istanza nella quale Nicklinson chiedeva di poter morire con l'assistenza di un medico, in quello che veniva definito «suicidio dignitoso». (segue) (Ses/Ct/Adnkronos) 22-AGO-12 16:17 NNN

-17/07/2012- uno studio dall'Olanda
" Una legge non fa eutanasia"


qualora non fosse noto...
Suicidio assistito, Danimarca e Gran Bretagna (1 luglio) - La commissione di esperti del parlamento danese si è detta favorevole alla legalizzazione del suicidio assistito: una proposta che lo stesso parlamento aveva bocciato nel 1997 e nel 2003. Contrario il comitato bioetico della associazione nazionale dei medici danesi. Polemiche anche in Gran Bretagna, dove il congresso annuale della associazione nazionale dei medici ha bocciato la proposta di dichiararsi neutrali dinanzi alle iniziative politiche di leganizzazione del suicidio assistito, cui invece è favorevole una lobby interna alla associazione composta da medici favorevoli alla "morte dignitosa".
- original article

- ARGENTINA,via libera dal senato:
testamento biologico e morte "dignitosa"

da: il fatto quotidiano 10 maggio 2012


- OLANDA E BELGIO: EUTANASIA IN AUMENTO - DI JOHN STEWART
da: News Insurance di lunedì 2 aprile 2012 – traduzione per L.U. di Alberto Bonfiglioli


– FRANCIA: Mitterrand chiese l'iniezione per morire
da: Corriere della sera di mercoledì 11 aprile 2012



"informiamo tutti che a differenza di quanto erroneamente e falsamente riportato da alcuni quotidiani italiani, Lucio Magri non si è rivolto all'Associazione DIGNITAS, bensì ad un medico di Bellinzona che lo ha aiutato nella procedura di morte volontaria assistita.
Ciò è stato a noi confermato dalla stessa DIGNITAS, raggiunta telefonicamente il giorno stesso della notizia del caso Magri. EXIT-Italia
Il Presidente Dr. E. Coveri"

Emilio Coveri su rai 1
01/12/2011 h1.20 


intervista radiofonica 2011-12-01
I parte
  II parte

corriere di como
desidero che la mia vita
finisca in modo sereno e felice
 

 
servizio di rai 3
sull'assemblea di exit italia
23 maggio 2011
video 1,38 min"
 

 
ODIFREDDI:"UNO SCHERZO DA PRETE AGLI ITALIANI-IL CONCORDATO DA MUSSOLINI A TOGLIATTI A CRAXI
video 58 min"

 

 
A PIAZZA FARNESE, RODOTA'
 

 
A PIAZZA FARNESE, CAMILLERI
 

A PIAZZA FARNESE, RODOTA'

A PIAZZA FARNESE, CAMILLERI

Corrado Augias sull'eutanasia (fonte repubblica)

-

Un sondaggio svizzero Secondo questa ricerca, in 12 Paesi della UE esiste una larga maggioranza favorevole alla legalizzazione del suicidio assistito.
Belgio Il Parlamento sta valutando la possibilità di estendere l’eutanasia anche ai malati di Alzheimer ed ai minorenni (come già avviene in Olanda).
 
DAL BELGIO 6 Febbraio 2013 Autore: kidr Nel 2012, 1430 pazienti hanno optato per l'eutanasia. Si tratta di un record e un quarto in più rispetto all'anno scorso. Secondo i dati della Commissione federale di Controllo e di Valutazione, nel 2011 i medici hanno accettato le richieste di 1133 pazienti che volevano essere così sollevati dalle loro sofferenze. Degno di nota anche il fatto che l'anno scorso i medici abbiano ricevuto più richieste da pazienti stranieri. "Per il 2012 si tratta di una dozzina di pazienti, in particolare da Stati Uniti, Germania e Francia, anche se per il momento il vero turismo eutanasico, come in Svizzera, rimane contenuto."
 
Italia: eutanasia (21 dicembre) Le associazioni Luca Coscioni, EXIT-Italia e e Uaar Italia hanno depositato alla Corte di Cassazione una proposta di legge di iniziativa popolare contro l’accanimento terapeutico e per la legalizzazione della eutanasia. I dirigenti delle associazioni hanno dichiarato che “è questo il momento di mobilitarsi tutti per obbligar e il futuro Parlamento a discuterne. Da oggi lanciamo l’appello per richiedere le disponibilità alla raccolta e autenticazione delle 50.000 firme”.
 
Francia: eutanasia (14 dicembre)
“Le Monde” ospita gli articoli di quattro personalità (medici e filosofi) che esaminano tutti gli aspetti della tematica eutanasia o cure palliative”, esprimendo pareri contrastanti. (19 dicembre): Reso noto in Francia il rapporto della commissione (presieduta dal noto bioeticista Didier Sicard) incaricata dal presidente Hollande di dare un parere sulla legalizzazione della eutanasia. Secondo “Avvenire” e “ Il Foglio” il rapporto è sostanzialmente contrario alla eutanasia e ritiene che basterebbe una migliore applicazione della Loi Leonetti (n.d.r.: quella che prevede la possibilità di “laisser mo urir”), che non è nota ai francesi (solo il 2,5% ha redatto le proprie DAT), mentre l’accesso alle cure palliative è ancora problematico. I due quotidiani ricordano però l’accenno che vi è nel rapporto alla possibilità di una “sedazione terminale”. Hollande ha preso atto del rapporto ma ha annunciato che entro giugno del 2013 il governo presenterà in Parlamento un ddl sulla eutanasia. Molto risalto al rapporto su “Figaro” (il documento va al di là della Loi Leonetti ed invita ad una riflessione sulla possibilità di un intervento attivo dei medici) e su “Le Monde”, che riferisce sugli incontri pubblici che la commmissione ha avuto in molte città francesi, con un totale di 2.500 partecipanti. La maggior parte degli intervenuti nei dibattiti ha detto che vorrebbe “una morte dolce”. (22 dicembre). Sul “Corriere della Sera” una intervista al prof. Sicard: ha spiegato ad Hollande che la commissione ritiene inutile una legge sulla eutanasia perché la legge in vigore sul fine vita è già sufficiente ed è applicata negli ospedali. Preferisco la sedazione profonda e finale (che in 24 ore porta alla morte) alla “iniezione brutale di un medico”. Secondo Sicard l’incontro è stato inutile perché Hollande e i suoi ministri hanno deciso comunque di legalizzare l’eutanasia per una scelta politica e ideologica.
IN ITALIA Religioni in Italia (14 dicembre) L’Italia – informa “Il Giornale” - ha raggiunto accordi con le religioni buddiste e induiste: potranno aprire scuole e accedere all’8 per mille.
 IMU Chiesa Cattolica (20 dicembre)
La CE ha deciso che il pagamento dell’IMU per la Chiesa italiana per gli anni dal 2006 al 2011 sarà condonato (“Il Manifesto”). Per il cardinale Bagnasco “non si tratta di un privilegio ma di un atto di giustizia”. … e noi cittadini quindi continuiamo a pagare per questi parassiti della società! (nota di EXIT-Italia)
 

11.26 14/05/2013 15_05_2011-SUICIDIO ASSISTITO : LA SVIZZERA BOCCIA IL REFERENDUM -
- .Zurigo boccia referendum anti-eutanasia "- La "dolce morte" anche ai non residenti

03_03_2011-ANCHE A TORINO E' POSSIBILE DEPOSITARE IL TESTAMENTO BIOLOGICO IN MUNICIPIO-
-CHIAMPARINO: "CONSIDERO IL REGISTRO DEI TESTAMENTI BIOLOGICI UN UTILE STRUMENTO A DISPOSIZIONE DEI CITTADINI..."-Finalmente superate l'ostruzionismo dell'assessore Ferraris e le interferenze del vescovo Nosiglia: tutte le istruzioni nel documento pdf qui accluso


30_11_2010-MONICELLI COME LUCENTINI - VIALE, NON AVREBBE DOVUTO MORIRE COSI-
-Silvio Viale, presidente di Radicali Italiani, partecipa al cordoglio per la morte di Mario Monicelli-Se l’eutanasia fosse legale, Mario Monicelli avrebbe potuto parlare apertamente con il proprio medico delle proprie intenzioni


30_11_2010-Malati in tv / Viale a Vespa, Carello e tutti gli altri-
-Fate parlare i malati, ma rispondete ad una domanda:-Come starebbero Mario Melazzini, Massimiliano Tresoldi, Fulvio de Nigris e tutti gli altri in Olanda? In Belgio, in Lussemburgo o in Svizzera? Sarebbero assistiti meglio o peggio?

09_10_2010-MICHAEL CAINE:CHIESI L'EUTANASIA PER MIO PADRE-
-"Penso che quando uno si trova in una situazione di vita insopportabile se vuole andartene é giusto"-La storia di caine ricorda quella di Sandra Milo, Moana Pozzi, Hors Tappert (Derrick).


26_06_2010-GERMANIA: NON E' UN OMICIDA CHI STACCA LE SONDE DELLA NUTRIZIONE E IDRATAZIONE ARTIFICIALE, COL CONSENSO DEL MALATO, SE E' INCURABILE-
-La Corte Costituzionale tedesca, giudice Ruth Rissing van Saan, pronuncia un rivoluzionario verdetto: "Si può staccare la spina se é volontà del paziente"-Accolto il desiderio di Erika Kuellmer (colpita da grave ictus) affidato alla figlia col sostegno dell'avvocato Wolfgang Putz, a Hersfels in Assia.

SI' ALLA VITA - NO ALLA TORTURA DI STATO
IGNAZIO MARINO: "REFERENDUM CONTRO LA LEGGE TRUFFA DEL GOVERNO SUL TESTAMENTO BIOLOGICO"


22_06_2010-DOLORE:DIRITTO A NON SOFFRIRE-
-A tre mesi dalla legge su oppioidi e cure palliative ancora molta confusione-E' obbligatorio che il medico e l'infermiere riportino in cartella se il paziente ha dolore con la descrizione del tipo di dolore e con quale farmaco viene trattato

22_05_2010-CONTROINFORMAZIONE SULLE NOTIZIE ERRATE E/O TENDENZIOSE SULLA DIGNITAS SVIZZERA E SULLA EXIT-ITALIA-
- Su Vanity Fair e su Visto sono state pubblicate due interviste fatte al Presidente Coveri della Exit-Italia-Riproduciamo le due interviste che, salvo alcuni dettagli e licenze giornalistiche marginali (nel titolo Visto: la Exit-Italia non "aiuta" nessuno a morire), fanno chiarezza sulla correttezza delle associazioni in rapporto al suicidio assistito che é possibile ottenere in Svizzera anche per gli italiani ma in piena autonomia e libertà.

08_05_2010 "QUELLE ULTIME NOTTI ACCANTO A ELUANA TRA PIETA' E POLEMICHE"-
- In un libro il racconto del dottor De Monte -"Su questa vicenda sono state scritte tante bugie, a volte in buona fede, ma spesso interessate"

17_02_2010 -GOSLING: EUTANASIA-VIALE: UN GRANDE GESTO DI AMORE E DI ALTRUISMO-
- Solidarietà incondizionata a Ray Gosling arrestato per avere confessato di avere aiutato a morire il proprio compagno-Un grande gesto di altruismo che squarcia il velo di ipocrisia che avvolge i temi di fine vita.

09_02_2010 -ANNIVERSARIO DELLA LIBERAZIONE DI ELUANA ENGLARO-
-Amato De Monte, primario anestesista: "Aiutai Eluana a morire..." nell'intervista a Repubblica si dichiara "un uomo cambiato" da quell'esperienza -Squallide dichiarazioni e iniziative, anche alla clinica di Lecco, dei soliti ideologi senza pietà, irrispettosi della volontà delle persone.

29_01_2010 -EUTANASIA?IL SOLITO BLUFF DEI CRISAFULLI-
- "La storia che Pietro Crisafulli porterà in Belgio il fratello a morire é una bufala"-"Si pronunciava contro Welby, Coscioni, Englaro il fatello Salvatore e a chiedere di morire é sempre il fratello Piero... L'eutanasia é sempre un trattamento volontario e non imposto. Meglio diffidare...NOMINARE UN CURATORE".


12_01_2010 -LA MORTE DI ELUANA ENGLARO NON FU OMICIDIO-
-Lo ha stabilito ieri il gip di Udine, Paolo Milocco-Dopo mesi di perizie e consulenze tecniche il gip ha sancito che la morte della giovane avvenne secondo "pratiche autorizzate e specificate nei provvedimenti giudiziari"."La prosecuzione dei trattamenti di sostegno vitale di Eluana non era legittima".


25_11_2009 - RISVEGLIO DAL COMA DOPO 23 ANNI-
-Riportiamo un approfondimento e analisi della notizia indispensabile per non cadere preda di aspetti miracolistici su notizie approssimative-"Comunque vada a finire, un miglioramento nella capacità di diagnosi di queste situazioni va a favore dei sostenitori del testamento biologico, non certo contro".

16_11_2009 - EUTANASIA DI UN BAMBINO A LONDRA-
- Aveva tredici mesi trascorsi tra le sofferenze per una malattia incurabile -Morto tra le braccia della mamma che dice: "Chi mi giudica non sa quant'é stata dura"


10_11_2009 - TORINO:VIA LIBERA AL TESTAMENTO BIOLOGICO-
-Michele dell'Utri (omonimo) : "Saremo pronti a gennaio...sportello ad hoc dell'anagrafe...busta chiusa" -A Torino, regista Marco Iozzo, un film sul diritto a decidere la propria morte


29_10_2009 - STEFANO RODOTA': "LA VITA IN OSTAGGIO"-
La chiusura immotivata del confronto in Commissione del PDL sul testamento Biologico -"Non é un caso che la decisione del PDL sia venuta all'indomani dell'incontro tra Gianni Letta e Benedetto XVI


29_10_2009 - INTERVISTA ALLA SCRITTRICE MISTERIOSA CHE AIUTA LA GENTE A MORIRE-
-Perché nasconde la sua identità -Intervista via mail: "Il diritto a una dolce morte é un diritto al quale sono molto sensibile..."


06_10_2009 - LA SCRITTRICE MISTERIOSA CHE AIUTA LA GENTE A MORIRE
- Dai suoi pazienti la protagonista si fa chiamare Miele -Va in messico per prendere i farmaci-...dall'esperienza dell'agonia devastante della madre...ha imparato... che le persone meritano di sapere come morire.


18_09_2009 - TAR DEL LAZIO: "NON SI POSSONO IMPORRE ALIMENTAZIONE E IDRATAZIONE" - CURE PALLIATIVE: SI' UNANIME DELLA CAMERA
- Accolto il ricorso del movimento difesa dei Cittadini, Gianluigi Pellegrino- Benedetto Della Vedova, unico nella maggioranza di governo, invita a evitare "muro contro muro"...e propone che si rimandi la "determinazione delle scelte di cura dei pazienti incapaci al rapporto tra medici, familiari e eventualmente fiduciari dei malati, nel rispetto di deontologia medica e dei principi costituzionali"


26_08_2009_ANZIANO UCCIDE LA MOGLIE MALATA: NON VA IN CARCERE-
- Vittorio Beltrami, malato terminale di tumore epatico, non voleva abbandonare la moglie gravemente malata dopo la sua morte imminente -Il gip Fiorenza Giorgi ha ritenuto di non infierire con arresti e fermi ad un malato che non può fuggire e dichiara: "Sono a favore della dolce morte e ho dato disposizioni per me..."-:E' morto la notte scorsa nell'ospedale San Paolo di Savona, dove era ricoverato per un tumore alla stomaco in fase terminale, Vittorio Beltrami, l'uomo di 67 anni che la sera di domenica scorsa aveva ucciso con un colpo di pistola la moglie Elena Ornella Bertocci, di 69, nel loro appartamento di via Lanzone a Savona.


24_08_2009-CHIARA SARACENO: LA DOPPIA ETICA DI BOSSI, GIOVANARDI E DELLA CHIESA CATTOLICA-
-"...chiamando assassini coloro che ...cercano di distinguere tra esseri umani e esseri che non lo sono ancora o non più"-"Gli immigrati sono vite impunemente spendibili, senza valore, meno umani di un embrione al primo stadio e di un corpo da cui si é allontanato ogni barlume di coscienza e di capacità di vita...autonoma"


06_08_2009-RODOTA': LA CROCIATA VATICANA E LE MANI SULLA VITA-
-"...la fiammata estiva ... sta accompagnando le nuove discussioni su temi altamente 'sensibili'...(Ru486, moratoria aborto, testamento biologico)"-Si poteva pensare che dopo le ingiustificate e violente polemiche sul caso Englaro vi sarebbe stato un ritorno alla ragione-E invece no-


31_07_2009-MALATA DI SCLEROSI MULTIPLA VINCE LA BATTAGLIA PER IL DIRITTO A MORIRE-
-Debbie Purdy si era rivolta alla massima autorità giudiziaria britannica : le ha riconosciuto il diritto di decidere come morire -La donna potrà andare a morire alla Dignitas Svizzera accompagnata dal marito che NON VERRA' INCRIMINATO, CHE NON LA INCORAGGIA, MA CHE L'ACCOMPAGNA E ASSISTE

15_07_2009-EDWARD E JOAN DOWNES :UNA DOLCE MORTE DOPO 54 ANNI INSIEME-
-Alla Dignitas di Zurigo, accompagnati dai figli, baciati e guardati mentre si addormentavano mano nella mano -85 anni lui, 74 lei, gravemente malati, hanno potuto avere una fine dignitosa e serena: anche loro però hanno dovuto lasciare la Gran Bretagna per trovare un angolo di civiltà in Europa

28_06_2009-UN WELBY A TORINO: CARLO GAIDANO-
VIALE: ma non é un anti-Welby; la battaglia per i diritti é comune-Il 13 luglio consegneremo in comune, insieme a Beppino Englaro, le firme per un registro dei testamenti biologici perché venga riconosciuta la volontà di ognuno di noi-


21_05_2009-IN SVIZZERA IL TESTAMENTO BIOLOGICO DIVENTA LEGGE-
E la Chiesa non si oppone-"Chi é capace di discernimento può designare i provvedimenti medici ai quali accetta o rifiuta di essere sottoposto nel caso in cui divenga incapace di discernimento»-


22_04_2009-PAOLO RAVASIN: "MI HANNO TOLTO LA LIBERTA' DI MORIRE"-
Appello a Napolitano: "Biotestamento, lo Stato si é sostituito a Dio"-Ravasin, malato da 10 anni di SLA, immobilizzato..., ha inviato un videomessaggio al Presidente della Repubblica e ai Presidenti di Camera e Senato in cui grida il suo "no" al disegno di legge sul Testamento Biologico..."-


04_04_2009-FINE-VITA, LA RABBIA DEI MEDICI:"E' UNA TRUFFA"-
"Noi", medici, "pronti all'obiezione di coscienza-L'ultima parola é del malato"-L'oncologo Veronesi: "La medicina moderna fa del medico un custode non solo della salute, ma anche dei diritti del malato"-


26--30-03-2009- DESTRA LAICA MANCA AL PAESE-BIOTESTAMENTO...L'AFFONDO DI FINI SCUOTE IL PDL: NO ALLO STATO ETICO -
Sofri,sequestro di persona: il Senato ha decretato un colossale sequestro, 60 milioni di persone in un colpo solo - Don Santoro,a Firenze parla con Beppino Englaro e attacca Betori: "In questa Chiesa io non mi riconosco più" -


26--28-03-2009-GEORGE ORWELL A PALAZZO MADAMA-LO STATO ITALIANO RENDE "PUBBLICI" I CORPI DI TUTTI E CANCELLA IL CONSENSO INFORMATO (SOTTO IL DETTAME DELLA GERARCHIA CATTOLICA)-
In Gran Bretagna dottori radiati se non rispettano la volontà del paziente-Federazione Medici Italiana: "Il Parlamento si fermi..."-"Il divieto di interrompere la nutrizione e idratazione ha effetti devastanti sui malati di tumore e accelera la morte": dottoressa Valenti direttrice hospice-


15_02_2009-RODOTA': "LA NUOVA LEGGE TRUFFA" SUL TESTAMENTO BIOLOGICO
Scalfari. "la Chiesa del dogma in conflitto con lo Stato"- Sofri:"Quella libertà di mangiare e bere"..."neppure più nelle galere, laboratori specializzati di tortura, nessuna autorità può imporre di mangiare e bere"..."il prossimo passo: é severamente vietato il suicidio?"-


09_03_2009-MANCUSO: "NON C'E' FEDE SENZA LIBERTA"-
"...le posizioni della Chiesa gerarchica sulla bioetica sono ...criticabili da ogni credente..." -"...la libertà di autodeterminazione con Dio, come fa la Chiesa Cattolica...va estesa al rapporto del singolo con la sua bioetica""-


27_02_2009-ELUANA-VIALE-"SOLO UNA PROVOCAZIONE SPOT"-
La morte di Eluana non é omicidio-"Occorre una legge che permetta ai medici di rispettare le volontà della persona"-


26_02_2009-LO SPAURACCHIO EUTANASIA-CORRIERE DELLA SERA del 24 febbraio 2009-
Silvio Viale, comitato scientifico Exit-Italia: "Panebianco bluffa"-"La vera ipocrisia italiana é quella di temere la parola 'eutanasia' e di circoscrivere il dibattito ad un suo surrogato..."-


20_02_2009-ENGLARO VIALE:"ROCCELLA VOLGARE.E' QUAGLIARELLO CHE OFFENDE GLI ITALIANI"-
Legge vergogna sul testamento biologico-Fine vita-"I sentimenti della maggioranza respingerà il motto:prima i soldi, poi la coscienza"-


15_02_2009-VIDANO, COORDINATORE EXIT-BIELLA: "CI IMPORRANNO LA VITA ARTIFICIALE"
Il Parlamento a maggioranza contro la Costituzione, art. 32, ed i nostri diritti-Abuso dei termini, informazioni corrette per difendersi dalla truffe mediatiche-


L'incontro con Indro Montanelli
"Io non voglio soffrire, io non ho della sofferenza un'idea cristiana. Ci dicono che la sofferenza eleva lo spirito; no la sofferenza è una cosa che fa male e basta, non eleva niente. E quindi io ho paura della sofferenza. Perchè nei confronti della morte, io, che in tutto il resto credo di essere un moderato, sono assolutamente radicale. Se noi abbiamo un diritto alla vita, abbiamo anche un diritto alla morte. Sta a noi, deve essere riconosciuto a noi il diritto di scegliere il quando e il come della nostra morte"

Queste sono le parole di Indro Montanelli che hanno risvegliato gli animi e le coscenze di moltissimi italiani.
Nel suo intervento al convegno promosso dalla Fondazione Floriani di Milano, Montanelli ha espresso quello che EXIT-Italia sostiene da tempo: la morte con dignità e senza inutili sofferenze devono essere una nostra libera scelta.
Successivamente, nel corso di un incontro presso la sua abitazione, Montanelli ha ribadito ai rappresentanti di EXIT-Italia (il presidente Emilio Coveri, Barbara Beccaria e Alberto Zambernardi) le sue idee e la sua determinazione nei confronti di un tema tanto importante come quello dellÕeutanasia.
A Montanelli, cui è stata consegnata la tessera "ad honorem n¡ 1" di EXIT-Italia, un grazie di cuore per ciò che ha voluto dimostrarci e per l'appoggio che ci vorrà offrire nel corso del nostro cammino.

inizio pagina
 

Notizie

Possiamo dire di avere ormai raggiunto un buon consolidamento a tutti i livelli, primo fra tutti quello territoriale.
Uno degli importanti obiettivi era infatti quello di avere su tutto il territorio la presenza di un organismo che potesse rappresentare il punto di riferimento dell'eutanasia in Italia.
Molti si sono chiesti perchè non ci siamo chiamati Associazione per l'Eutanasia o non abbiamo introdotto il termine 'eutanasia' nel nostro logo. La ragione è semplice: anche se il concetto è identico, e soprattutto lo scopo per cui ci siamo costituiti, abbiamo voluto adottare la dicitura che hanno tutte le altre Associazioni consorelle del Mondo. L'importante è avere riconosciuto legalmente il diritto che ci consenta di disporre della fine della nostra esistenza in modo dignitoso. Vorrei ora riflettere sul concetto di 'EUTANASIA PASSIVA E ATTIVA'.
Perchè passiva? Perchè ribadisce il concetto dell'autoeliminazione, qualora fossimo in grado di farlo, al contrario, il termine attiva presuppone che vi sia qualcuno che ci aiuterà a terminare l'esistenza, qualora non fossimo più in grado di agire.
Un gruppo di lavoro ha elaborato una bozza di proposta di legge che attualmente è al vaglio dei nostri migliori giuristi, membri del Comitato Etico-Scientifico, e che verrà proposta ai dirigenti in febbraio a Roma, in una riunione che rivestirà un'importanza fondamentale.
L'approvazione o meno del testo ci consentirà nel più breve tempo possibile di chiedere al legislatoe, cioè i membri del Parlamento che, condividendo il nostro obiettivo, si faranno promotori di una proposta di legge che tenga in considerazione la libertà di ciascuno per una scelta libera e senza costrizioni.
A garanzia di tutto ciò vi è il Testamento Biologico - Living Will, disposizioni di volontà che dovranno essere accettate dall'Ordinamento Costituzionale Italiano garante del diritto, che rispetti le libertà dei cittadini.
Sono occorsi tre anni per arrivare fin qui. Abbiamo avuto il riconoscimento della Federazioni Europea e Mondiale delle Associazioni che lottano come noi.
Questa è anche la nostra forza; oltre a voi tutti, che ci avete seguito e sostenuto, ora vi è anche la Federazione delle altre Associazioni: non siamo soli, ma dovremo continuare a lottare comunque.
La nostra Organizzazione è molto solida e ben coordinata a livello nazionale e internazionale.
Con il progetto di legge si apre una nuova sfida alle istituzioni democratiche, ma vedrete che quel diritto lo otterremo, come otterremo il riconoscimento giuridico del Testamento Biologico.
Nel frattempo la nostra attività a livello regionale non si è certo fermata; siamo stati a Firenze, Milano, Biella dove abbiamo il nuovo Coordinamento di Zona piemontese, a cui si è affiancato quello di Cuneo-Mondovì; a Napoli, dove abbiamo riunito per la prima volta gli amici del sud Italia, che sta procedendo bene con le adesioni; in Sardegna per ribadire la nostra presenza in quella Regione, dove la coordinatrice di Zona, Maria Gasparoni, di Golfo Aranci, propaganda l'iniziativa in modo strepitoso.
Abbiamo aggiunto due Coordinamenti di Zona con Claudio Triscoli e Lucio Salvi, rispettivamente per le aree Roma/Terni e Caserta.
Molto presto si aggiungeranno probabilmente le aree di Bari, Ancona, Pescara e Cagliari.
Abbiamo incontrato a Parma gli amici dell'Emilia-Romagna e per tale manifestazione dobbiamo ringraziare il dr. Rodolfo Maramotti che ci ha dato, insieme agli altri coordinatori di zona Bussei, Cerati e Vegetti, un grande supporto logistico.
Infine il Veneto, ancora oggi rimane la seconda regione italiana per adesioni e con i sei Coordinatori di Zona e la Vicepresidente del Consiglio Generale sta avendo ottimi risultati a livello di contatti con altre organizzazioni, prima fra tutte l'U.A.A.R. - Unione Atei Agnostici Razionalisti - e la SOCREM.
Durante il mese di gennaio 2000, a Padova, avremo un convegno-incontro sul tema dell'eutanasia; sarˆ un'occasione per incontrare tutti gli Amici della regione.
E' comunque necessario che vi iscriviate al più presto, se non ancora fatto, e che espandiate il più possibile la nostra iniziativa, per poterci presentare a Roma numerosi.
Riceverete cos“ la tessera dell'Associazione ed il tesserino del Testamento Biologico da voi siglato e che riunisce a grandi linee ciò che si è dichiarato, tranne le varie specifiche personali, indicate sull'originale da ciascuno di noi.
La quota di iscrizione è di euro 15.00 ed è vitalizia, ossia non ci si dovrà mai più iscrivere con nuovi versamenti.
Invece, come da statuto, tutti noi saremo tenuti a versare, quando ci verrà richiesto, la quota associativa annuale per poter far fronte alle spese per francobolli, spese postali, bollettini informativi (necessari per tenervi informati sulle nostre attività).
Probabilmente entro fine aprile 2000, verrà indetta la prima Assemblea dei Soci, in modo che possiate rendervi conto di ciò che si è fatto, sia dal punto di vista organizzativo sia da quello finanziario.
Rinnovo i miei più cari saluti e vi ricordo che sono sempre a disposizione per qualsiasi questione vi stesse a cuore.
Emilio Coveri - Presidente

inizio pagina
 
inizio pagina
 

La bozza del progetto di legge



Da qualche tempo vi parliamo di una bozza di progetto di legge che un gruppo di lavoro ha elaborato e completato proprio in questi giorni.
Le fasi che si dovranno percorrere, prima di presentare tale bozza ai parlamentari, preposti dalla Carta Costituzionale Italiana alla funzione legislativa, sono tre:
1. revisione della bozza da parte dei nostri uffici legali insieme al Comitato ristretto composto dai giuristi membri del Comitato Etico-Scientifico;
2. revisione ed approvazione del testo, eventualmente modificato dai dirigenti iscritti (e non aderenti) per la definitiva stesura;
3. approvazione e ratifica da parte del Consiglio Generale di EXIT-Italia in riunione congiunta con i Collegi dei Probiviri e dei Sindaci e Revisori.
Nel frattempo avremo già interessato alcuni Parlamentari che hanno dimostrato interesse all'eutanasia e potremo presentarci a Roma, non appena otterremo la convocazione.
La nostra bozza, la prima in assoluto che parla di 'eutanasia' in Italia, cioè richiede specificamente il Diritto di poter scegliere come morire, si compone principalmente di quattro capitoli:
1. Relazione introduttiva sulla proposta.
2. Relazione su ciascun articolo di legge.
3. Indicazione degli articoli che dovranno comporre la normativa.
4. Elencazione di tutti gli articoli delle leggi citate o comma o paragrafi che dovranno essere eliminati con la nostra bozza, affinchè non sia impedita la pratica dell'Eutanasia - sia attiva che passiva - e per poter disporre di tutte le garanzie a tutela del malato e di chi lo aiuterà.
Teniamo a precisare che la nostra bozza non ha niente a che vedere con quelle di altri organismi e soprattutto non mira a coprire classi o lobbies da certe responsabilità.
La nostra bozza ha un unico scopo: la tutela della persona malata a cui evitare inutili sofferenze e lo scagionamento da qualsiasi responsabilità per chi la aiuterà a morire (suicidio assistito).
Disposizioni a garanzia della libertà di scelta
in materia di interruzione volontaria della propria sopravvivenza.

(bozza di documento)
Art. 1
E' diritto fondamentale di ogni individuo scegliere, senza costrizione alcuna e determinare, tramite disposizione di volontà, in caso di patologia grave, dolorosa ed irreversibile, le modalità della fine della propria esistenza, affinché avvenga senza sofferenze.
E' diritto di ognuno, inoltre, vincolare al proprio consenso informato i servizi e le strutture sanitarie riguardo qualsiasi atto diagnostico e terapeutico.
Art. 2
Per dichiarazione di volontà si intende quell'atto formale di autodeterminazione (cosiddetto "testamento biologico"), firmato dall'interessato nella pienezza delle sue facoltà di intendere e di volere, con cui l'individuo stesso detta le sue volontà riguardo alla fine della propria esistenza.
Art. 3
Per il principio di autodeterminazione dell'individuo, ogni persona giuridicamente capace ha il diritto di essere informata, in modo completo e comprensibile, riguardo diagnosi, prognosi, benefici e rischi delle procedure diagnostiche e terapeutiche suggerite, prospettive terapeutiche alternative, nonché il diritto di esprimere il proprio consenso o rifiuto in relazione alle soluzioni prospettate.
Art. 4
La dichiarazione di volontà di cui all'art. 2, diviene vincolante e rimane valida anche nel caso in cui il firmatario abbia perso la propria capacità di intendere e di volere.
In caso di ricovero ospedaliero, la dichiarazione di volontà deve essere allegata alla cartella clinica.
La dichiarazione di volontà è comunque revocabile in qualsiasi momento.
Art. 5
La dichiarazione di volontà deve essere resa con atto pubblico.
Ogni individuo capace nomina un fiduciario, che, nel caso in cui sopravvenga uno stato di incapacità naturale, garantisca l'adempimento delle indicazioni contenute nella dichiarazione di volontà.
Art. 6
Qualora una persona si trovi in stato di incapacità naturale e sia venuto meno il fiduciario, il Giudice Tutelare provvede alla nomina di un nuovo fiduciario, su segnalazione di chiunque sia venuto a conoscenza della situazione.
Art. 7
Colui o coloro che attueranno le disposizioni stabilite nella dichiarazione di volontà non sono penalmente perseguibili. Pertanto l'art. 50 del c.p. è così integrato: "Altresì non è punibile chi procura la morte di una persona che ha sottoscritto la dichiarazione di volontà".
Gli articoli 579 c.p. "Omicidio del consenziente" e 580 c.p. "Istigazione al suicidio" non si applicano quando la morte sopravviene nei casi previsti dalla presente legge.
 

Revisione fatta a Roma, 12 febbraio 2000.
 

inizio pagina









Ora ci resta soltanto una cosa da fare: aumentare il numero di soci ed aderenti per portare a Roma la nostra proposta debitamente regolarizzata da una legge.
Per essere presi in considerazione dobbiamo però essere numerosi: se ognuno di noi portasse almeno un altro Socio, raddoppieremmo già il numero attuale!
Diamoci da fare dunque, affinchè il nostro obiettivo possa esere raggiunto.
Claudia Del Santo - Consiglio Generale










Come si diventa soci
Riprendiamo questo argomento in quanto per alcuni non sono chiare le modalità di iscrizione. Ecco, in breve, le istruzioni da seguire:
1. Versamento di euro 15,00 per ISCRIZIONE, quota vitalizia, ossia non si ripeterà più. Una volta iscritti si riceverà la tessera di SOCIO e saremo sempre parte integrante dell'Associazione. Si ha così diritto di voto, di entrare a far parte dell'ASSEMBLEA DEI SOCI (che elegge il Consiglio Generale e le altre cariche) e di accedere a qualsiasi carica elettiva. Ogni tipo di versamento di quote, oboli o donazioni in denaro, devono essere effettuati sul c.c. postale n¡ 39167101 intestato a:

 Exit - Italia Associaziona Italiana per il diritto ad una Morte Dignitosa
Corso Monte Cucco 144 - 10141 Torino.
2. Quote Associative. Tutti i Soci sono tenuti a versare ogni anno la quota associativa, stabilita di volta in volta dal Consiglio Generale. Sia per l'anno 1999 che per il 2000 la quota sarà di euro 15,00 per ciascun anno. Alcuni di voi hanno già pagato la quota del 1999 e pertanto a Marzo del 2000 saranno tenuti a versare soltanto la quota di quell'anno, cioè 15,00 euro, mentre chi non lo ha ancora fatto, potrà effettuare un versamento unico di euro 30,00. Ognuno verrà informato quando si richiederanno le sottoscrizioni .
3. Quota 'Una Tantum' per tutta la vita. Tale soluzione, la cui quota è di euro 750,00 , è un'ulteriore opportunità per chi volesse devolvere la somma suddetta in un'unica soluzione, in modo da non dover pagare nulla per il resto della vita. Si rimarrebbe pertanto sempre Soci con gli stessi diritti sopraccitati.
4. Oblazioni, Contributi, Lasciti o Donazioni. Chiunque può fare qualsiasi tipo di donazione in natura o in denaro, previa comunicazione al Presidente o ad altro Membro del Consiglio Generale. Ciò non soltanto andrà a beneficio dell'Associazione, ma rimarrà come patrimonio dell'Organizzazione. Facciamo un esempio: una persona lascia ad EXIT-Italia, quale beneficiario, un immobile nella città di Torino. Non soltanto il valore dell'immobile, che verrà debitamente registrato con atto notarile, andrà a beneficio dell'Associazione, ma qualora lo stesso venisse utilizzato, il ricavato entrerebbe nel bilancio dell'Associazione.
In passato molti di voi hanno inviato francobolli: la spesa relativa a tale voce è forse la più alta in assoluto ed incide in modo massiccio sul bilancio.
Quindi tutto ciò che inviate e può essere utile a risparmiare i vostri contributi in denaro è sempre ben accetto.
In caso di dubbi vi preghiamo di telefonare alla segreteria generale:
011/77.07.126 - 0330/512.712
Non dimenticate che, oltre alle quote di iscrizione ed associative, dovete inviarci il vostro Testamento Biologico - Living Will, ossia le vostre Disposizioni di Volontà affinchè le stesse possano venire rispettate.
Chi non lo avesse ancora fatto ce lo spedisca debitamente compilato; se non volete seguire la nostra traccia (modulo di Testamento Biologico di cui potete richiedere copia) potrete scriverne uno personalizzato, che avrà comunque valore.
Zenaide Zucca - Coll. Sindaci e Revisori
domanda di iscrizione
inizio pagina